Il forno di Castagnola a Giano dell’Umbria

A Castagnola (Giano dell’Umbria) vive una manciata d’abitanti che aumentano d’estate, e che tutto l’anno, almeno nei giorni che precedono le feste, utilizzano il forno collettivo, per cuocere e per stare insieme.

Il borgo è piccolo, ma suggestivo, antico il paesaggio che lo circonda, e intrigante la sua storia. In un passato lontano è stato infatti uno dei castelli della Normandia: sopra la porta d’ingresso reca il simbolo, la leggendaria aquila. Entrando da questa porta si può iniziare un viaggio nel borgo, e indietro nel tempo, tra stradine, slarghi e piccole case addossate l’una all’altra, in un atmosfera silenziosa e antica.

Tratto dalla pubblicazione della Camera di Commercio di Perugia “La Torta di Pasqua in Umbria” consultabile qui .

Condividi nei social

Share on facebook
Facebook
Share on google
Google+
Share on twitter
Twitter

Effettua una ricerca

Borghi dell’Umbria: Città di Castello

Una città che risplende da lontano: così veniva definita nel Quattrocento Civitas Castelli che appare all’improvviso, fra il verde delle colline,entro il perimetro murato cinquecentesco

Panicale

Panicale è posto come spartiacque tra il bacino lacustre del Trasimeno e le valli del Nestore e della Chiana. L’antichissimo borgo della provincia di Perugia