Il mulino dei Renzetti a San Giustino, sette secoli d’alta ingegneria

Sette secoli e non li dimostra: il mulino “dei Renzetti”, a San Giustino, è medievale, ma le sue macine di pietra funzionano ancora, con un meccanismo apparentemente semplice ma che in realtà è dovuto a un sorprendente sistema antico di alta ingegneria, immutato nei secoli, che fa di questo mulino uno dei pochi di questo genere rimasti in Italia. La strada che parte da Lama vi porterà a Pernacciano, dove si trova il mulino, un edificio antico e ben conservato, ed essa stessa può raccontare molte storie: poco più in là ci sono le Marche e questo era un luogo di passaggio, di incroci di genti e di merci.Stefano Piergentili è il mugnaio del terzo millennio:giovane, colto, ha deciso di rimanere qui e di prendere il testimone e la sapienza del nonno Nino e del babbo Ermanno, macina grani antichi locali e non, coltivati biologicamente nel territorio da agricoltori con cui è in contatto diretto.

Tratto dalla pubblicazione della Camera di Commercio di Perugia “La Torta di Pasqua in Umbria” consultabile qui.

Condividi nei social

Share on facebook
Facebook
Share on google
Google+
Share on twitter
Twitter

Effettua una ricerca

Borghi dell’Umbria: Città di Castello

Una città che risplende da lontano: così veniva definita nel Quattrocento Civitas Castelli che appare all’improvviso, fra il verde delle colline,entro il perimetro murato cinquecentesco

Panicale

Panicale è posto come spartiacque tra il bacino lacustre del Trasimeno e le valli del Nestore e della Chiana. L’antichissimo borgo della provincia di Perugia