UMBRIA DELLE MIE TRAME

L’arte della tessitura, del ricamo e del merletto da centinaia di anni è parte imprescindibile della storia dell’Umbria e la raccontano quanto il paesaggio, l’arte, la natura e l’enogastronomia .

I saperi incrociati e le abilità manuali, sedimentati nei secoli, si sposano ogni giorno con l’intuizione e con la grazia naturale che nasce dall’“intelligenza delle mani”.

Un giacimento di bellezza che nasce dal territorio, dalla cultura e dall’anima di un popolo.

Questa pubblicazione nasce con lo scopo preciso di rendere a disposizione di un pubblico più vasto dei soli “addetti ai lavori” una straordinaria ricchezza, disseminata in tante aree della regione e tramandata di generazione in generazione nelle scuole, negli atelier, nei laboratori e nelle botteghe artigiane.

Umbria delle mie trame

Condividi nei social

Share on facebook
Facebook
Share on google
Google+
Share on twitter
Twitter

Effettua una ricerca

LE FIGURE NEI TESSUTI PERUGINI

  “Negli inconfondibili “tessuti perugini” veniva rappresentato un vastissimo repertorio di figure. Disegni geometrici,architettonici, vegetali e zoomorfi. Segni e simboli sia religiosi che profani, discendenza

L’ONORE DELLA TOVAGLIA

Possedere una tovaglia nel Medioevo era un segno di prestigio. Esserne privati, di conseguenza, equivaleva a un’umiliazione. Bertrand du Guesclin, un condottiero francese del XIV

ROMEYNE ROBERT RANIERI DI SORBELLO

Romeyne nacque nel New Jersey da una famiglia di origine francese. Sua madre era parente di George Bernard Shaw, il grande intellettuale e drammaturgo irlandese.