ROCCACCIO

A Fossato di Vico nasce la produzione di questo formaggio ovino a pasta dura, dal sapore equilibrato e il sapore e deciso.

La lavorazione avviene a partire dal latte riscaldato a 35-38°C, al quale viene aggiunto il caglio di vitello. La coagulazione, che avviene in 20 minuti circa, viene interrotta dalla rottura della cagliata e la disposizione di questa in stampi per sgrondare il siero, quindi una salatura in salamoia.

La stagionatura dura dai 12 ai 18 mesi e il formaggio finito ha un peso di 3 chilogrammi circa, una crosta liscia e gialla, mentre una pasta tra il bianco e il giallo paglierino.

La pasta è friabile e l’occhiatura è leggera.

Tratto dalla pubblicazione della Camera di Commercio di Perugia ”L’Umbria dei Formaggi” consultabile qui.

Condividi nei social

Share on facebook
Facebook
Share on google
Google+
Share on twitter
Twitter

Effettua una ricerca

Il lievito madre: origine e curiosità

La pratica della preparazione e dell’uso del lievito naturale sembrerebbe risalire all’antico Egitto in conseguenza di un’inondazione del Nilo. Si tramanda infatti che la farina

Il pane: dalla natura alla tavola

Il pane (dal latino panis) è un prodotto alimentare ottenuto dalla lievitazione e successiva cottura in forno di un impasto a base di farina di

L’arte del panificare

La storia del pane nasce con quella dell’uomo. Anche l’homo sapiens era avvezzo preparare un impasto costituito da ghiande tritate e acqua che, steso su