LA CACIARA

 

 

La parola dialettale indica confusione, trambusto, gazzarra. Secondo l’Enciclopedia Treccani l’etimologia della parola arriva direttamente da “luogo dove si fabbrica il cacio”: un riparo dei pastori, ricco di utensili, tenuti in modo disordinato la caciara è anche il nome di un ricovero in pietra utilizzato dai pastori sulle montagne dell’Appennino: un luogo di lavoro, dove stoccare i formaggi ma anche utile riparo per proteggersi dalle intemperie e riposare durante le lunghe transumanze.

 

Tratto dalla pubblicazione della Camera di Commercio di Perugia “L’Umbria dei Formaggi

Condividi nei social

Share on facebook
Facebook
Share on google
Google+
Share on twitter
Twitter

Effettua una ricerca

Come si cuoce la "Fiorentina"?

  Per preparare una buona bistecca alla Fiorentina si impiega la lombata di vitello,quella con l’osso dalla tipica forma a T.Deve essere ben marezzata e

Scorzone Estivo o Tartufo d’Estate

Il tartufo scorzone estivo o tartufo d’estate (Tuber piramidate,aestivum Vittadini) ha peridio o scorza grossolanamente verrucosa di colore nero, con verruche grandi e gleba o

Bianchetto o Marzuolo

Il tartufo bianchetto o marzuolo (Tuber Borchii Vittadini) ha peridio o scorza liscia di colore biancastro tendente al fulvo e gleba o polpa chiara tendente