Il vecchio forno di Parrano cuoce ancora il pane ma è pure laboratorio di cibi e di idee

Il forno collettivo di Parrano, un antico manufatto di architettura rurale, si trova in una stanza all’interno del borgo, tra edifici, strade e piazzette antiche, ma è stato il primo forno di comunità, pur nel rispetto del passato, ad aprire un nuovo capitolo, rivolto al futuro. Il progetto di restauro ha seguito un percorso di rigore filologico, ma anche mirato a far sì che il forno fosse aperto non solo a famiglie, per uso privato, ma anche alle piccole realtà ricettive della zona, per produzioni artigianali da poter mettere sul mercato nel rispetto delle leggi.

 

 

Inoltre vengono organizzati visite, feste e piccoli corsi rivolti a gruppi di non più di 50 persone, che si svolgono tra il forno e una piazzetta adiacente, all’insegna delle ricette della tradizione: pane, torte di Pasqua, pizze e schiacciate con i prodotti delle coltivazioni locali: peperoni, pomodori, cipolle, zucchine, salvia, rosmarino, e dolci come i “maritozzi”, i biscotti all’anice, le crostate con marmellata artigianale. La “casa” del forno ospita anche un laboratorio a norma per conserve e cibi trasformati, a disposizione delle piccole aziende, e anche questa è una nuova vita del forno.

Dalla pubblicazione della Camera di Commercio di Perugia “La Torta di Pasqua in Umbria

Condividi nei social

Share on facebook
Facebook
Share on google
Google+
Share on twitter
Twitter

Effettua una ricerca

Borghi dell’Umbria: Città di Castello

Una città che risplende da lontano: così veniva definita nel Quattrocento Civitas Castelli che appare all’improvviso, fra il verde delle colline,entro il perimetro murato cinquecentesco

Panicale

Panicale è posto come spartiacque tra il bacino lacustre del Trasimeno e le valli del Nestore e della Chiana. L’antichissimo borgo della provincia di Perugia