IL FORMAGGIO TRA LEGGENDE E REALTA’

“Numerose le storie e le leggende che ruotano attorno al formaggio e alle sue origini.

Si racconta di un mercante arabo che, durante un viaggio nel deserto, portò con sé del latte fresco contenuto in una bisaccia fatta di stomaco di pecora. A causa del calore, del movimento e degli enzimi presenti sulla parete dello stomaco della pecora, riattivati dal calore, il latte subì un processo di acidificazione in seguito al quale le proteine coagularono in piccoli grumi, dando luogo alla cagliata.

Secondo la mitologia greca del periodo classico, l’utilizzo del formaggio è da attribuire alle ninfe di Ermes, le quali insegnarono ad Aristeo, divinità che presiedeva alla tutela del bestiame e dell’agricoltura, l’arte della vita pastorale e della produzione del formaggio, dando così il via alla diffusione di questa scoperta tra gli uomini.

Le prime notizie scientifiche circa l’arte della preparazione del formaggio e le tecniche di caseificazione, soprattutto con l’uso dei cagli vegetali, si devono far risalire agli Etruschi, e successivamente ai Romani, entrambe popolazioni dedite alla pastorizia.La diffusione di tale prodotto ebbe un forte incremento dopo la fine dell’Impero e l’inizio del Medioevo, quando il formaggio, soprattutto quello stagionato, divenne particolarmente apprezzato per l’alto valore nutritivo e la facilità di conservazione.”

Tratto da “Sapori di una terra – Prodotti tipici della provincia di Perugia” II edizione

Condividi nei social

Share on facebook
Facebook
Share on google
Google+
Share on twitter
Twitter

Effettua una ricerca

Come si cuoce la "Fiorentina"?

  Per preparare una buona bistecca alla Fiorentina si impiega la lombata di vitello,quella con l’osso dalla tipica forma a T.Deve essere ben marezzata e

Scorzone Estivo o Tartufo d’Estate

Il tartufo scorzone estivo o tartufo d’estate (Tuber piramidate,aestivum Vittadini) ha peridio o scorza grossolanamente verrucosa di colore nero, con verruche grandi e gleba o

Bianchetto o Marzuolo

Il tartufo bianchetto o marzuolo (Tuber Borchii Vittadini) ha peridio o scorza liscia di colore biancastro tendente al fulvo e gleba o polpa chiara tendente