IL FARRO IN CUCINA….CONSIGLI D'USO

A seconda del tipo di preparazione che si desidera fare, si consiglia di tenere il farro in ammollo per 48 ore, fino ad un minimo di 12 ore e di farlo bollire in pentola per almeno un paio d’ore.

Il farro decorticato cuoce molto prima, mentre quello triturato grossolanamente può essere cotto anche senza l’ammollo. Per la sua cottura saranno necessari 20/30 minuti ed è consigliabile attendere un pò prima di mescolarlo ad un condimento per consentire all’acqua in eccesso di essere assorbita completamente ed al cereale di gonfiarsi lentamente a fuoco spento.

Condividi nei social

Share on facebook
Facebook
Share on google
Google+
Share on twitter
Twitter

Effettua una ricerca

Il lievito madre: origine e curiosità

La pratica della preparazione e dell’uso del lievito naturale sembrerebbe risalire all’antico Egitto in conseguenza di un’inondazione del Nilo. Si tramanda infatti che la farina

Il pane: dalla natura alla tavola

Il pane (dal latino panis) è un prodotto alimentare ottenuto dalla lievitazione e successiva cottura in forno di un impasto a base di farina di

L’arte del panificare

La storia del pane nasce con quella dell’uomo. Anche l’homo sapiens era avvezzo preparare un impasto costituito da ghiande tritate e acqua che, steso su