FORMAGGI: IL TAGLIO

 

Gli strumenti per compiere questa operazione sono i più svariati: esistono piccoli coltelli “scagliatori”per servire scaglie di formaggi extraduri, coltelli trapezoidali per forme molto grandi, coltelli dalle lame lunghe e sottili per formaggi a pasta compatta e di grandi dimensioni, coltelli a lama corta ma spessi per forme più piccole, filo d’acciaio per formaggi molto delicati, coltelli per formaggi freschi che non aderiscano e che diano la forma, cucchiai taglienti per formaggi molli, lame a spatola per le creme.
Fondamentale è tenere a mente durante una degustazione che il formaggio stagiona partendo dall’esterno per poi arrivare all’interno.
Quindi ogni sua parte detiene una diversa intensità, che si tratti del sottocrosta o del cuore della forma.
Inoltre, interessanti possono anche risultare le parti ossidate rimaste all’aria, che hanno in un certo senso subito una stagionatura accelerata, e quelle ricoperte di muffe, non sempre indesiderate.”

Testo tratto dalla pubblicazione della Camera di Commercio “L’Umbria dei Formaggi

 

Condividi nei social

Share on facebook
Facebook
Share on google
Google+
Share on twitter
Twitter

Effettua una ricerca

Il lampone

Fra le diverse specie di piccoli frutti presenti in forma spontanea e coltivata, il lampone si può considerare la più diffusa, insieme al rovo. I

Mora o rovo

È la specie più diffusa allo stato spontaneo e coltivata insieme al lampone. I frutti sono di forma allungata, aggregati di drupe, di colore rosso

Il ribes

È diffuso in tutti i paesi a clima temperato freddo. I frutti rappresentati da bacche di colore rosso, bianco e nero. Le bacche sono riunite

I frutti di bosco

I frutti di bosco sono ricchi di proteine vitali al nostro organismo (ferro, fosforo e calcio) e di vitamine, oltre ad avere proprietà medicinali. Per