DA MAGIONE ALLA TERRA DEI TARTARI: I 10.000 CHILOMETRI DI FRA GIOVANNI  DA PIAN DI CARPINE

La terra Umbra ha dato i natali a colui che, primo europeo, percorse oltre 10.000 chilometri per giungere nel lontano Oriente,  raccontandone con dettagliate relazioni le terre e i popoli. Tutto anni prima di quanto poi farà il più conosciuto e celebrato  Marco Polo con il suo “Il Milione”.

Parliamo di Giovanni da Pian del Carpine, frate dell’Ordine dei Minori conventuali e discepolo di San Francesco di Assisi, che proprio nel contado del Lago Trasimeno nacque intorno al 1189.

I carpini caratterizzavano paesaggisticamente la vallata dell’attuale Magione, luogo natio di Giovanni,  a tal punto da identificarne il toponimo che prendeva il nome di Pian di Carpine: e Giovanni, in un’epoca in cui il cognome si legava soprattutto a caratteristiche della famiglia o al luogo di origine, divenne  in latino Iohannes  de Plano Carpini.

Dai carpini del Trasimeno Giovanni, che nel frattempo aveva portato a termine numerose missioni al servizio della Chiesa, ricoprendo anche la carica di Provinciale in Germania e in Spagna, fu inviato nel 1245 da Papa Innocenzo IV come legato pontificio alla corte del Gran Khan per sostenere la conversione dei Tartari e la rinuncia alla minacciata  conquista dell’Europa.

Attraversò Germania e Polonia, giunse a Kiev dove comprò per sé e per Frate Benedetto di Polonia, che da Cracovia lo accompagnava con il ruolo di interprete,  cavalli tartari capaci di cercare il loro cibo sotto la neve.  Dopo un lungo viaggio nella pianura coperta di neve, il 4 aprile 1246 giunse poco a monte della moderna città di Astrakan alla presenza del Khan Batu, il Principe più importante dopo il Gran Khan che si dimostrò benevolo nei confronti dei due religiosi. Ripresero il cammino verso est, scortati da un piccolo gruppo di soldati Tartari.

Dopo quasi quattro mesi di duro viaggio giunsero nell’agosto 1246 all’accampamento imperiale di Sira Ordu a Karakorum, assistendo alla  assemblea che elesse il Gran Khan Guyuk: qui i  frati furono ammessi alla presenza del Gran Khan consegnando la missiva del Papa.

La risposta del Gran Khan non fu quella che il Papa si aspettava, considerato che dichiarava fermamente di non voler modificare i propri progetti.

Tuttavia il viaggio di Giovanni non fu vano ma rappresentò l’apripista per altre missioni apostoliche: l’impresa di Marco Polo non sarebbe poi stata fattibile senza il contributo di questo frate pronto ad affrontare disagi e difficoltà di ogni specie, dimostrando una grande forza d’animo sostenuta da una fede granitica.

Del suo lungo viaggio senza precedenti Fra Giovanni da Pian di Carpine lasciò un particolareggiato resoconto nella  “Historia Mongolorum” (La Storia dei Mongoli ) che può essere definito il più antico dei documenti storico-geografici provenienti da un europeo dedicati all’Asia centrale: racconta in modo dettagliato riti e costumi, il clima, l’abbigliamento, le armi e le tecniche di battaglia, la religione, estendendo le informazioni anche ad altre genti come Russi, Cinesi, Bulgari, Samoiedi e Baschiri.

Nella sua Magione la Sala del Consiglio del Palazzo Comunale ospita il ciclo di affreschi del pittore futurista Gerardo Dottori dedicati al territorio tra i quali la tavola raffigurante l’incontro tra Giovanni da Pian del Carpine e il Gran Khan dei Mongoli.

Condividi nei social

Share on facebook
Facebook
Share on google
Google+
Share on twitter
Twitter

Effettua una ricerca

Spunti dai borghi dell’Umbria: Costacciaro

L’origine storica di Costacciaro è legata, a doppio filo, a quella della città fondatrice di Gubbio. L’originario nome dell’antico castello eugubino, Collis Stacciarii, deriverebbe infatti

Spunti dai borghi dell’Umbria: Sigillo

Le origini di Sigillo risalgono ad epoca romana, secondo alcune fonti sembra che il borgo corrispondesse all’antica “Suillum”, municipio romano della VI Regione Augustea di