COS’E’ LA FROLLATURA?

Le carni appena macellate, specie quelle bovine, risultano in genere dure.Questo perché, dopo l’abbattimento dell’animale, i muscoli si irrigidiscono e tendono a perdere liquidi.

È dunque necessario sottoporre le carni ad un processo di maturazione spontanea, utile a rendere la carne più tenera:la frollatura.I quarti dell’animale vengono posti in una cella frigorifera a una temperatura compresa tra 0 e 4°C per circa due settimane.

Tuttavia, carni economiche vengono frollate per 24-48 ore mentre altre, particolarmente prelibate, vengono fatte maturare anche alcuni mesi e per questo sono decisamente più costose.

Non esiste ad oggi una legge che indica modalità e tempi di frollatura per i vari tipi di taglio.Ciò significa che la qualità della carne a seguito di una giusta maturazione è affidata esclusivamente alla competenza del macellaio.

Testo tratto dalla pubblicazione della Camera di Commercio di Perugia “L’Umbria delle Carni” consultabile qui.

Condividi nei social

Share on facebook
Facebook
Share on google
Google+
Share on twitter
Twitter

Effettua una ricerca

Il lievito madre: origine e curiosità

La pratica della preparazione e dell’uso del lievito naturale sembrerebbe risalire all’antico Egitto in conseguenza di un’inondazione del Nilo. Si tramanda infatti che la farina

Il pane: dalla natura alla tavola

Il pane (dal latino panis) è un prodotto alimentare ottenuto dalla lievitazione e successiva cottura in forno di un impasto a base di farina di

L’arte del panificare

La storia del pane nasce con quella dell’uomo. Anche l’homo sapiens era avvezzo preparare un impasto costituito da ghiande tritate e acqua che, steso su