lenticchie-di-castelluccio-al-tartufo

Lenticchie di Castelluccio al tartufo

Ingredienti per 4 persone: 300 g di lenticchie, uno spicchio d’aglio, 2 salsicce fresche, olio extravergine d’oliva, tartufo, sale.

Lessate le lenticchie, mettendole a freddo in acqua non salata e scolatele. Fate rosolare nell’olio lo spicchio d’aglio, sbucciato e schiacciato, e la salsiccia sbriciolata. Unite le lenticchie, regolate di sale, amalgamate bene. Togliete dal fuoco, grattate il tartufo sulle lenticchie, mescolate e servite.

Tratto dalla pubblicazione della Camera di Commercio di Perugia “Black / White – Di quale tartufo sei? Ricette e Consigli

insalata-di-farro

Insalata tiepida di farro, patate e tartufo

Ingredienti per 4 persone: 300 g di farro di Monteleone di Spoleto, 300 g di patate, tartufo nero, olio extravergine d’oliva, sale.

Tenete il farro a bagno per 8 ore, scolatelo, ponetelo in un recipiente di cottura, copritelo per tre dita d’acqua e fatelo cuocere a fuoco basso, senza salarlo e senza mai mescolarlo, ma scuotendo se necessario il recipiente, per 45 minuti. Spegnete il fuoco e fate riposare, coperto, per una decina di minuti, in modo che i chicchi assorbano l’acqua rimasta e si gonfino bene. Lessate le patate con la loro buccia, pelatele e tagliatele a tocchetti. Unite in un piatto da portata il farro, ben gonfio ma asciutto e le patate, salate e mescolate. In un padellino riscaldate, senza farlo soffriggere, dell’olio, toglietelo dal condite il farro e le patate. Servite subito.

Tratto dalla pubblicazione della Camera di Commercio di Perugia “Black / White – Di quale tartufo sei? Ricette e Consigli”

mela cotogna libera da diritti

COMPOSTA DI MELE COTOGNE ALLA BIRRA E RICOTTA

Ingredienti:

4 mele cotogne, 8 cucchiai di zucchero, la buccia di  1/2 limone, 300 g di ricotta, alcune foglioline di menta, 2 bicchieri di birra rossa umbra artigianale.

 

Tagliate a pezzetti le mele cotogne e ponetele in un tegame.

Aggiungete alle mele cotogne la birra, 4 cucchiai di  zucchero e la buccia intera di mezzo limone, lasciate cuocere fino a quando le mele risulteranno tenere ma non spappolate; a fine cottura aggiungete le foglioline di menta spezzettate.

Mantecate la ricotta con i restanti 4 cucchiai di zucchero.

Servite la composta di mele cotogne con a fianco una quenelle  di ricotta.

 

Ricetta a cura di Silvana Andreani

tappo-1

ARISTA ALLA BIRRA CON SALVIA E MIELE

 

Ingredienti:

600 g di arista, 1 cucchiaio di miele, 2 bicchieri di birra rossa umbra artigianale, un cucchiaio di aceto, un cucchiaio di senape, olio, aglio, salvia, sale e pepe.

Preparate un trito di aglio e salvia, spalmate l’arista con questo trito al quale avrete aggiunto il miele e l’aceto e lasciatela rosolare in forno per circa 20 minuti, spruzzate poi con la birra e portate a termine la cottura.

A cottura ultimata, a piacere, aggiungete al fondo di cottura un cucchiaio di senape e ponete questa salsa sopra le fettine di arista.

 

Ricetta a cura di Silvana Andreani

tappo-1

MORTADELLA GRIGLIATA CON CARAMELLO ALLA BIRRA

Ingredienti:

4 fette di mortadella tagliata molto spessa, 1 bicchiere di birra bianca umbra artigianale, 60 g di zucchero di canna, un cucchiaio di senape in grani.

 

Ponete in un pentolino la birra e lo zucchero di canna e lasciate cuocere, mescolando ogni tanto, fino a quando estraendo il mestolo il liquido colerà in maniera uniforme.

Lasciate raffreddare il caramello e aggiungete la senape.

Grigliate le fette di mortadella da entrambe le parti.

Tagliate la mortadella a losanghe e colateci sopra il caramello alla birra.

 

A cura di Silvana Andreani

tappo-1

POLENTA CON BIRRA, FUNGHI E SALSICCIA

Ingr.: 500 g di farina di granoturco, 1,5 litri d’acqua, 1/2  litro di birra artigianale umbra doppio malto, 300 g di funghi champignon, 3 salsicce, 3 cucchiai di olio extravergine di oliva, 100 g di pecorino romano grattugiato, sale, pepe.

Ponete in un tegame l’olio, la salsiccia sbriciolata, i funghi a pezzetti piccoli, salate e pepate e lasciate cuocere per circa dieci minuti.

Mettete in una pentola l’acqua e la birra artigianale umbra, portate quasi ad ebollizione, salate e aggiungete la farina di granoturco a pioggia mescolando velocemente con una frusta.

A pochi minuti dalla fine della cottura aggiungete alla polenta i funghi e la salsiccia, amalgamate bene e servite la polenta irrorando con  un filo d’olio e spolverizzando con il pecorino grattugiato.

 

Ricetta a cura di Silvana Andreani

datteri

FILETTO DI MAIALE CON DATTERI E MELE

Il filetto è la parte più magra e tenera del maiale, che si presta a diverse preparazioni. Qui lo proponiamo con sapori un po’ orientali, che però ritroviamo sempre più spesso anche nella cucina mediterranea. Utilizzeremo, infatti, i datteri (in alternativa si possono usare le prugne) e le mele. Il segreto di un buon filetto sta nella sua cottura, mai eccessiva per non lasciare asciugare troppo la carne. Altra accortezza: non tagliatelo subito appena uscito dal forno, aspettate almeno un paio di minuti per evitare la dispersione dei succhi al suo interno.

INGREDIENTI per 4 persone

• 800 gr di filetto di maiale • 10 datteri secchi • 2 mele • 70 gr di burro • 1 bicchiere di vino bianco • sale q.b. • olio extra vergine d’oliva • 200 gr di nocciole o pistacchi tritati

PROCEDIMENTO

Prendete 5 datteri denocciolati e inseriteli nella carne che avrete forato con l’apposito punteruolo. Fate rosolare il filetto in una padella con la metà del burro per circa 3 minuti per parte.

Ora trasferite la carne in una teglia da forno, dove avrete versato il vino bianco. Condite con sale, olio e cuocete al forno per 40 minuti, a 170 gradi.

Nel frattempo, prendete il resto del burro e scioglietelo in un’altra padella insieme ai datteri rimasti e alle mele tagliate a fettine non troppo sottili, fin quando non saranno leggermente appassite e intrise di condimento. Togliete il filetto dal forno.

Aspettate qualche minuto prima di tagliarlo a fette e servirlo accompagnato dai datteri e le mele. Spolverate i piatti con una manciata di nocciole o pistacchi tritati, che avrete prima tostato in padella. questo darà un tocco di croccantezza al piatto.

souffle

Soufflé ghiacciato di ricotta e frutta secca con salsa di cioccolato amaro e cannella

INGREDIENTI

200 g di ricotta di pecora, 300 g di panna fresca, 100 g di meringa italiana, 20 g di pinoli, 20 g di nocciole, 20 g di pistacchi, 20 g di mandorle, 20 g cioccolato fondente 70%, 100 g zucchero, 1 stecca cannella, cannella in polvere q.b., 50 g cacao amaro in polvere, miele di acacia q.b.

PROCEDIMENTO

Setacciare la ricotta, amalgamarla con la frutta secca tritata grossolanamente e il cioccolato a scaglie.

Aggiungere la meringa all’italiana e 100 g di panna montata soda con 30 g di zucchero. Con un sac à poche disporre il composto in una tazzina in modo che fuoriesca di circa 3 cm, porre tutto in congelatore per circa un’ora.

Per la salsa, portare ad ebollizione i 200 g di panna,i 50 g di zucchero e la stecca di cannella.

Filtrare il tutto, sul fuoco aggiungere il cacao in polvere e portare ad ebollizione per 2-3 min, passare alla chinoise e far raffreddare.

Disporre al centro del piatto il soufflé ghiacciato,screziare con miele di acacia e frutta secca la salsa in modo che prenda una parte del soufflé e cada nel piatto.

Decorare con della menta e polvere di cannella.

Ricetta dello chef umbro Paolo Trippini contenuta in “L’Umbria dei Formaggi” consultabile qui.

salmerino

Salmerino del Nera in olio infusione al fieno di Castelluccio di Norcia

INGREDIENTI

2 Salmerini del Nera, 50 g di fieno fresco di Castelluccio di Norcia, 500 ml di olio monocultivar San Felice, 8 cialde di prosciutto di Norcia Igp croccanti, 30 g di uova di trota Fario, 50 g di ricotta di pecora a latte crudo del pastore, sale marino in fiocchi.

PROCEDIMENTO

Infondere il fieno nell’olio per un giorno. Sfilettare il pesce, pulirlo bene dalle spine e marinarlo con l’olio aromatizzato, cuocerlo a 55°C per 10 minuti.

Condire la ricotta con poco sale e l’olio aromatizzato al fieno, sistemare nel sifone e raffreddare bene.

Comporre il piatto sistemando a strati il Salmerino condito con fiocchi di sale e le cialde croccanti di prosciutto di Norcia Igp, adagiare vicino la ricotta e a lato la pelle croccante del pesce condita con le uova.

Salsare con l’olio al fieno tutt’attorno e servire.

Ricetta dell’ chef umbro Flavio Faedi pubblicata in “L’Umbria dei Formaggi” consultabile qui.

ravioli-allarancia

Ravioli all’arancia in piccolo ragù di anatra e sfoglia di pecorino affinato in visciole

INGREDIENTI

Per i ravioli: 3 uova,400 g di farina,acqua q.b, sale.

Per il ripieno: 300 g di ricotta dell’Alta Valle del Tevere, 50 g di buccia di arancia biologica, sale.

Per il ragù: sedano, carota,cipolla di Cannara, alloro, 150 g di petto di anatra battuta a coltello.

100 g di pecorino affinato in visciole,burro, foglie verdi di maggiorana, vino rosso secco, olio extravergine di oliva.

PROCEDIMENTO

Una volta preparati i ravioli di ricotta e buccia d’arancia, in una padella con un cucchiaio di olio extravergine d’oliva predisporre il soffritto:il battuto di sedano e carote e cipolla dovrà cuocere leggermente, mettere quindi la carne di anatra battuta e sfumare con vino rosso secco (ottimo un merlot di Orvieto).

Una volta che tutte le basi sono pronte, assemblare su un piatto da portata i ravioli che abbiamo cotto in acqua salata e saltato con burro e foglie verdi di maggiorana.

Disporre in fila i ravioli e sopra adagiarvi il ragù di anatra.

Per completare il piatto tagliare con l’aiuto di un coltello a lama lunga delle piccole sfoglie di pecorino affinato in visciole e adagiarle sopra il ragù.

Un filo di olio extra vergine d’oliva di Campello sul Clitunno e il piatto è pronto.

Ricetta dello chef  umbro Giancarlo Polito pubblicata in “L’Umbria dei Formaggi” consultabile qui.