Spunti dai borghi dell’Umbria: Piegaro

Fondato dai Romani nel 290 a.C. come avamposto nelle storiche guerre contro Chiusi e gli Etruschi, il borgo di Piegaro è immerso in boschi di cerri e roverelle.

Qui, attorno al 1292, si fermarono alcuni dei maestri dell’arte del vetro provenienti da Venezia. L’attività importata da questi ultimi fiorì così rapidamente che già nel 1321 vennero commissionate agli artigiani piegaresi, dalla fabbrica del Duomo di Orvieto, sia le tessere pregiate per i mosaici che le vetrate dell’abside e del transetto. Da allora la produzione, così come testimoniano il museo del vetro e le numerose fornaci, non si è mai interrotta.

Piegaro è circondata da numerosi borghi fortificati e residenze storiche: Cibottola, Castiglion Fosco, le residenze dei marchesi Pallavicini in centro e la splendida dimora dei Della Corgna, poco fuori le mura.

 

Da RITRATTI DI STORIA Viaggio nei Centri Storici del Lago Trasimeno della Camera di Commercio di Perugia

Condividi nei social

Share on facebook
Facebook
Share on google
Google+
Share on twitter
Twitter

Effettua una ricerca

L’Umbria in Porchetta

La Porchetta in Umbria Sfoglia digitalmente la pubblicazione 2021 de “L’Umbria in Porchetta – Una regione e i suoi profumi, tra tradizione e sapori, territorio

Spunti dai borghi dell’Umbria: Gubbio

Gubbio, adagiata alle falde del Monte Ingino, vanta una storia millenaria e fiorente; passeggiando tra i suoi vicoli, piazze, chiese e palazzi è possibile ripercorrere

Spunti dai borghi dell’Umbria: Costacciaro

L’origine storica di Costacciaro è legata, a doppio filo, a quella della città fondatrice di Gubbio. L’originario nome dell’antico castello eugubino, Collis Stacciarii, deriverebbe infatti