Spunti dai borghi dell’Umbria: Città della Pieve

Città della Pieve (anticamente Castel della Pieve) è stata storicamente al centro del passaggio di pellegrini e di mille eserciti. Città d’Arte, oltre che d’Arme, diede i natali a celebrati artisti come Pietro Vannucci “il Perugino” (metà del XV sec.),  e Antonio Pomarancio (fine del XVI sec.). Molte le opere dei due pittori e dei loro numerosi allievi che ancora oggi possiamo ammirare nelle Chiese e nei Palazzi nobiliari del borgo. Sono 4 gli itinerari che ci fanno entrare nella “percezione vera” degli spazi della città:

IL PERCORSO VERDE che si sviluppa tra torri e belvedere;
IL PERCORSO BLU attraverso i vicoli che rivelano scorci inimmaginabili;
IL PERCORSO ROSSO dell’arte, che ci guida alla scoperta di opere magnifiche;
IL PERCORSO GIALLO, come lo zafferano (tipicità assoluta della città, da sempre usato per la tintura dei tessuti), che traccia un viaggio attraverso le eccellenze enogastronomiche del territorio: la pasta, la carne chianina, i vini e l’olio.

Da RITRATTI DI STORIA Viaggio nei Centri Storici del Lago Trasimeno della Camera di Commercio di Perugia

Condividi nei social

Share on facebook
Facebook
Share on google
Google+
Share on twitter
Twitter

Effettua una ricerca

Spunti dai borghi dell’Umbria: Costacciaro

L’origine storica di Costacciaro è legata, a doppio filo, a quella della città fondatrice di Gubbio. L’originario nome dell’antico castello eugubino, Collis Stacciarii, deriverebbe infatti

Spunti dai borghi dell’Umbria: Sigillo

Le origini di Sigillo risalgono ad epoca romana, secondo alcune fonti sembra che il borgo corrispondesse all’antica “Suillum”, municipio romano della VI Regione Augustea di