La birra a 35 millimetri, da Full Monty ai Blues Brothers Print
There are no translations available.


"E il cinema? Dall’Uomo tranquillo di John Ford ai movimentati musical di Minnelli, dal recente, fortunatissimo Full Monty agli Altman di stampo on the road o western rivisitato (I compari, Gang); dagli irresistibili Blues Brothers bersagliati di boccali e bottiglie vuoti e protetti da una rete metallica mentre suonano country&western, naturalmente per conto di dio, in un locale dell’estrema periferia dell’America, al quasi altrettanto mitico e divertente I due nemici (sì, proprio quello di Sordi e Niven, dove si favoleggia di una scollacciata birreria dove le cameriere servivano pinte con “solo un grembiulino addosso”), la birra a 35 millimetri scorre da sempre a fiumi.

Persino senza scomodare il filone tutto tedesco dei “maledetti” fassbinderiani, o quello comico-popolare dei Louis de Funes o dei Mickey Rooney vagamente brilli…

Un’ultima indicazione: sono qualche decina i film in cui la parola “birra” compare nel titolo originale. Si va da cose come The fatal glass of beer (di Tod Browning, l’autore “cult” di Freaks, 1916) allo scanzonato e recente Pizza, birra y faso dei quasi almodovariani d’Argentina Caltano & Stagnaro.

Insomma, per dirla alla Frank Zappa, mai dimenticato genio del rock: “un Paese è veramente un Paese quando ha una compagnia aerea e una birra… e alla fine è di una bella birra che si ha più bisogno…”."

da www.assobirra.it



( 0 Votes )
Share