Home Curiosita CACIOTTA AL TARTUFO
Image1
Image1

Curiosità

L’antipasto umbro
Uno degli antipasti più tipici della tradizione umbra, servito in genere nelle...
Come si cuoce la "Fiorentina"?
Per preparare una buona bistecca alla Fiorentina si impiega la lombata di...
Quattro amici al bar con Arcibaldo, in fuga da Petronilla
"Rimanendo sempre in un contesto di cartoons americani, come non ricordare...
Cinghiale e “cervogia”: eccoci nella Gallia guerresca di Obelix
"I fumetti e la birra: un legame davvero imprescindibile se si pensa che tutta...
Se la bevanda è universale ci pensano i cartoons a celebrarla
"Da Asterix ai Simpson, da Tex Willer a Corto Maltese: la birra compagna di...
Il classico “boccale”, usato impropriamente per tutte le birre
E… il classico – e forse un po’ inflazionato – boccale? Lo si utilizza...
La birra a 35 millimetri, da Full Monty ai Blues Brothers
"E il cinema? Dall’Uomo tranquillo di John Ford ai movimentati musical di...
“Il birraio di Preston” ce lo racconta Andrea Camilleri
"Anche una signora d’età (il libro è stato scritto quando aveva...
I personaggi di Simenon e Rex Stout, dai libri alla tv
"C’era una volta, sugli schermi tivvù di un’Italia ancora un po’ naive,...
Registi e scrittori: tutti pazzi per la birra
Eroi della letteratura popolare come Maigret e Nero Wolfe, scrittori come...
Il “tulipano”, il bicchiere per le degustazioni professionali
Attenzione, però: se la degustazione è di tipo professionale, il bicchiere...
BIRRA: Bere dalla bottiglia? si perde l’80% del gusto e del piacere
Primo avvertimento, quasi superfluo, ma… Un modo sicuro per “avvilire”...
BIRRA: ANCHE IL BICCHIERE DEVE ESSERE QUELLO GIUSTO
Dal tulipano (piccolo e grande) alla coppa, dal flute senza piede alla pinta,...
LA PRIMA FABBRICA DI BIRRA IN ITALIA APRI’ NEL SETTECENTO…
Le cose cambiano a metà del ‘700, quando Lazzaro Spallanzani scopre che la...
LA BIRRA ARRIVA IN TERRA ITALICA
In terra italica, i primi estimatori della birra furono gli Etruschi che, nei...
1620: L’AMERICA SCOPRE LA BIRRA GRAZIE AI PADRI PELLLEGRINI
La birra varca l’Oceano nel 1620, insieme ai Padri Pellegrini. Destinazione,...
ANNO MILLE: LA PRODUZIONE DI BIRRA DIVENTA INDUSTRIALE
Con l’anno Mille, intanto, inizia la nuova era della birra: la produzione in...
I CELTI: IL POPOLO CHE PORTÒ LA BIRRA ALLA GUERRA
Tra i tifosi della birra all’antica più accaniti, poi, come non annoverare i...
SUMERI: LA BIRRA DIVENTA UN VERO E PROPRIO “STATUS SYMBOL”
Ma tra i Sumeri, il primo popolo birraio, visto che gli ingredienti di pane e...
BIRRA: LA BEVANDA PER ECCELLENZA, INVENTATA DA UNA DONNA
Birra: dal latino bibere, cioè bere. Dunque, la bevanda per eccellenza....
Sette millenni di storia all’insegna della bevanda di Cerere: la birra
Se l’orzo è stato il primo cereale coltivato da un popolo non più nomade,...
La torta di Pasqua nell’Umbria contadina
La mattina di Pasqua le torte venivano poste sulla tavola, bene in ordine, o in...
LA TORTA DI PASQUA IN UMBRIA
Torte di Pasqua al formaggio e dolci, entrambe preparate con molte uova, sono...
VOCABOLARIO ESSENZIALE DELLA CARNE
Aroma: insieme delle percezioni gustative e olfattive dovute alla miscela...
STORIA E TRADIZIONE DELLA CARNE: L'EPOCA MODERNA
  A partire dalla fine del XVIII secolo, con la rivoluzione industriale e...
STORIA E TRADIZIONE DELLA CARNE: DAL MEDIOEVO AL RISORGIMENTO
Con l’affermarsi delle culture celtiche e germaniche, in cui un pasto non era...
STORIA E TRADIZIONI DELLA CARNE: DAGLI ETRUSCHI ALLA CARNE DEI "BARBARI"
  Nelle società antiche il bestiame rappresentava un elemento molto...
STORIA E TRADIZIONI DELLA CARNE: LE ORIGINI
Cosa sarebbe il genere umano senza la carne? Forse nemmeno esisterebbe.Secondo...
MODALITA' DI COTTURA DELLA CARNE
  La cottura consiste nel sottoporre la carne a un innalzamento di temperatura...
COME CONSERVARE LA CARNE
È molto importante conservare la carne in modo opportuno, per evitare che la...
COS'E' LA FROLLATURA?
Le carni appena macellate, specie quelle bovine, risultano in genere...
BRODO O BOLLITO?....I CONSIGLI DEL MACELLAIO
Per ottenere un brodo nutriente è preferibile mettere la carne in acqua fredda...
ANAGRAFE SUINA
  La sicurezza delle carni è fondamentale per il nostro benessere. È...
L'ANAGRAFE BOVINA
La sicurezza delle carni è fondamentale per il nostro benessere. È pertanto...
LA CARNE CRUDA: TARTARE E CARPACIO
  La Tartare, il cui nome deriva da come mangiavano la carne i Tartari (i...
I TAGLI DELLA CARNE SUINA
  1. Testa: bollita lentamente e intera, cosicché i tessuti e il collagene si...
Black / White: di Quale Tartufo Sei?
  "Il fascino del tartufo è nel suo mistero. È figlio della terra e del...
I TAGLI DELLA CARNE BOVINA
  1. Collo:è particolarmente muscoloso e ricco di collagene.Generalmente poco...
IN MACELLERIA: LE TIPOLOGIE DI SUINI
Maiale: il suino destinato alla macellazione, sia maschio castrato che femmina,...
IN MACELLERIA: LE TIPOLOGIE DI BOVINI
Bovino adulto:è un animale dai 12 mesi in poi. Quando è un maschio castrato...
SUINO NERO CINGHIATO DI NORCIA
Fino agli anni ‘30 del secolo scorso in tutta Italia erano allevate molte...
I SUINI: LE PRINCIPALI RAZZE ALLEVATE IN UMBRIA - DUROC
La razza Duroc si è formata circa un secolo fa negli Stati Uniti. Anche se le...
I SUINI: LE PRINCIPALI RAZZE ALLEVATE IN UMBRIA - CINTA SENESE
La Cinta Senese è originaria della provincia di Siena e di tutto il Centro...
I SUINI: LE PRINCIPALI RAZZE ALLEVATE IN UMBRIA- LARGE WHITE
E' la razza più conosciuta e allevata in tutto il mondo. E' stata selezionata...
I BOVINI: LE PRINCIPALI RAZZE ALLEVATE IN UMBRIA - CHAROLAISE
Originaria della Francia, è oggi una razza cosmopolita grazie alla sua...
I BOVINI: LE PRINCIPALI RAZZE ALLEVATE IN UMBRIA - LIMOUSINE
Razza originaria della Francia sud occidentale, una volta veniva utilizzata per...
I BOVINI: LE PRINCIPALI RAZZE ALLEVATE IN UMBRIA - MARCHIGIANA
Questa razza nasce verso la metà dell'800, quando gli allevatori marchigiani...
I BOVINI: LE PRINCIPALI RAZZE ALLEVATE IN UMBRIA - LA CHIANINA
E' il bovino più grande al mondo e produce carne dalle eccellenti qualità...
LA TRADIZIONE DELLE CARNI BOVINE E SUINE IN UMBRIA
Nonostante i grandi cambiamenti innescati nel mercato moderno del 1800,...
L'UMBRIA DELLE CARNI
La Camera di Commercio di Perugia promuove e sostiene la grande tradizione...
CACIOTTA AL TARTUFO PDF Stampa E-mail

L'area di produzione storica di questa squisitezza è il territorio Eugubino-Gualdese ma si può trovare, di grande qualità, anche in tutto il territorio regionale e, in particolare, in Valnerina, dove abbonda il "tuber melanosporum".

La leggenda dice che la nascita del formaggio con il tartufo sia dovuta ad uno scherzo fatto da un ragazzo di un caseificio che, nel 1963, nei pressi di Sigillo, nascose del tartufo in una forma di cacio fresco che era stata destinata alla stagionatura. Nessuno si accorse di nulla fino a quando quella forma fu pronta per essere grattata sulla pasta. Il particolare sapore da allora ha incontrato un grande successo tra i consumatori. Grazie alla genuinità assicurata dagli animali che pascolano nella zona di produzione.

Il latte intero di vacca e, talvolta in piccole percentuali anche di pecora, pastorizzato e addizionato di fermenti lattici, viene fatto scaldare a 35-38°C. Poi viene aggiunto caglio di vitello. Al momento della coagulazione si procede alla rottura della cagliata:si divide dal siero e si aggiunge il tartufo in forma grattugiata. La proporzione è all’incirca di 500 grammi di tartufo per 50 chilogrammi di prodotto finito. Dal mescolamento si ottiene una pasta che viene inserita in appositi stampi adatti per sgrondare il siero. Quindi si procede anche con una stufatura a vapore in appositi cassoni, per un’ora ad una temperatura di 40-50°C. Arriva poi il momento cruciale della salatura, fatta per bagno in salamoia, per una durata di 12-15 ore circa. La maturazione del formaggio avviene in ambienti umidi all’80% ed a basse temperature (8-12°C). Non è prevista la stagionatura.

Le forme sono cilindriche, dalle dimensioni mediopiccole. La crosta è chiara, costellata di punti più scuri, mentre la pasta, internamente, è di colore paglierino. Il sapore e l’odore sono forti di tartufo. E al taglio si esprime tutta l’aromaticità del prezioso tubero.

Per il consumo, bisogna seguire il consiglio dei produttori, che raccomandano di tenere il formaggio per diverso tempo a temperatura ambiente in modo che la pasta si ammorbidisca e i profumi si liberino al meglio.

Mangiata da sola, con del pane casereccio, talvolta utilizzata in preparazioni culinarie, di questa caciotta esistono anche le alternative alla cipolla, al pepe, al peperoncino, alle olive e alle noci.

 

Tratto dalla pubblicazione della Camera di Commercio di Perugia "L'Umbria dei formaggi" consultabile qui.


( 0 Votes )