Home Curiosita CACIOTTA AL TARTUFO
Image1
Image1

Curiosità

SUINO NERO CINGHIATO DI NORCIA
Fino agli anni ‘30 del secolo scorso in tutta Italia erano allevate molte...
I SUINI: LE PRINCIPALI RAZZE ALLEVATE IN UMBRIA - DUROC
La razza Duroc si è formata circa un secolo fa negli Stati Uniti. Anche se le...
I SUINI: LE PRINCIPALI RAZZE ALLEVATE IN UMBRIA - CINTA SENESE
La Cinta Senese è originaria della provincia di Siena e di tutto il Centro...
I SUINI: LE PRINCIPALI RAZZE ALLEVATE IN UMBRIA- LARGE WHITE
E' la razza più conosciuta e allevata in tutto il mondo. E' stata selezionata...
I BOVINI: LE PRINCIPALI RAZZE ALLEVATE IN UMBRIA - CHAROLAISE
Originaria della Francia, è oggi una razza cosmopolita grazie alla sua...
I BOVINI: LE PRINCIPALI RAZZE ALLEVATE IN UMBRIA - LIMOUSINE
Razza originaria della Francia sud occidentale, una volta veniva utilizzata per...
I BOVINI: LE PRINCIPALI RAZZE ALLEVATE IN UMBRIA - MARCHIGIANA
Questa razza nasce verso la metà dell'800, quando gli allevatori marchigiani...
I BOVINI: LE PRINCIPALI RAZZE ALLEVATE IN UMBRIA - LA CHIANINA
E' il bovino più grande al mondo e produce carne dalle eccellenti qualità...
LA TRADIZIONE DELLE CARNI BOVINE E SUINE IN UMBRIA
Nonostante i grandi cambiamenti innescati nel mercato moderno del 1800,...
L'UMBRIA DELLE CARNI
La Camera di Commercio di Perugia promuove e sostiene la grande tradizione...
GRELLO
Un antico formaggio, che prende il nome dalla località stessa in cui nasceva e...
BIGETTO
E' uno storico formaggio dell'Umbria. Si chiama così perché il colore della...
RUZZICHELLA
La ruzzichella si produce nell’intera regione, con un latte vaccino e ovino,...
RAVIGGIOLO
Con il raviggiolo ci troviamo di fronte a un formaggio di chiara derivazione...
RICOTTA SALATA DI NORCIA
Ha un sapore inconfondibile. Si chiama ricotta perché nella lavorazione...
FORMAGGIO FARCITO
Questo tipo di formaggio è prodotto in tutta l'Umbria e viene insaporito a...
ROCCACCIO
  A Fossato di Vico nasce la produzione di questo formaggio ovino a pasta...
FORMAGGIO MISTO O CACIOTTONE
  E' un formaggio da taglio misto, preparato con latte vaccino (80%) e ovino...
CACIOTTA
Le "formette" al tempo della mezzadria venivano comprate direttamente dai...
PECORINO UMBRO DEL SUBASIO
Il pecorino del Subasio è stato premiato in numerosi concorsi...
PECORINO STAGIONATO IN FOSSA
Assaggiare il pecorino in fossa è anche una ottima occasione per una visita...
PECORINO STAGIONATO IN BOTTE
Una produzione di particolare e antica arte, quella che prevede la maturazione...
PECORINO DI NORCIA DEL CASEIFICIO
Per pecorino di Norcia del caseificio s'intende la versione moderna del...
PECORINO DI NORCIA DEL PASTORE (PAT)
  E' un pecorino unico e,grazie al metodo tradizionale con il quale viene...
L'UMBRIA DEI FORMAGGI
    Per scoprire il formaggio umbro....una piccola guida da gustare...
ROSOLIO PORTOGHESE
  Ricetta tratta da un vecchio manualetto, ben nota nelle sue molte varianti...
DA UNA START UP..."PERGIUS" LE BOLLICINE DI PERUGIA
  Anche l’Umbria ha il suo spumante….presentato a Perugia PerGius, il vino...
IL SEDANO
Il sedano è una pianta biennale nel ciclo vegetativo ed annuale nella...
LASCHE MARINATE
Merita ricordare questa cucina alla quale si ricorreva quando non c'era altro e...
LA STORIA DI UN CHICCO DI CAFFE'
  Curiosità che vengono dal mondo....il racconto di un giovane yemenita,...
VIAGGIO ATTRAVERSO LA PAROLA FORMAGGIO
Nel cuore d'Italia si produce formaggio da tremila anni. E' una lunga storia,...
BIRRA: L'ASSAGGIO
Il gusto nella birra ha una gamma amplissima, e dipende dagli stili di...
BIRRA: L'ESAME OLFATTIVO
"Bere" col naso prima che con la bocca. L'esame olfattivo va a caccia...
BIRRA: L'ESAME VISIVO
L'attenzione va posta su colore, limpidezza e spuma. Per degustare la birra è...
BIRRA: COSA FARE PRIMA DI ASSAGGIARLA
  Prima ancora di assaggiarla, ecco come "trattare" la birra. Intanto, prima...
IL FORMAGGIO CON LE PERE DI CASTORE DURANTE
"Fu un umbro che diede una patente di dignità al formaggio: Castore Durante di...
FORMAGGI: IL TAGLIO
"Inoltre, interessanti possono anche risultare le parti ossidate rimaste...
FORMAGGI: CONSIGLI DI CONSERVAZIONE
" Diversi sono gli accorgimenti per una corretta conservazione del formaggio. ...
I FORMAGGI: LA STAGIONATURA
" La peculiarità di un formaggio avviene durante la fase di stagionatura,...
FORMAGGI: CLASSIFICAZIONE
      "Innanzitutto si dovrà procedere nel distinguere la tipologia di...
FORMAGGI: CONSIGLI DI ASSAGGIO
  "L’assaggio necessita di tecniche, che sono state formulate in maniera...
ANNIBALE E LA BATTAGLIA DEL CACIO
  "Una leggenda piemontese, che come tutte le leggende ha un fondo di verità,...
IL MISTERO DELLA CARBONARA
"È un classico della cucina italiana, ormai esportato  in tutti i ristoranti...
LA CACIARA
  La parola dialettale indica confusione, trambusto, gazzarra. Secondo...
IL CACIOCAVALLO DEL CIECO DI ORVIETO
  "Sono oscure le origini del caciocavallo, tra l'Oriente e il Regno delle Due...
MEGLIO SCAVARE UNA FOSSA.....
  "Il meraviglioso  formaggio di fossa nacque per caso. era la primavera del...
PECORINO NELL'ACETO
"Come veniva conservato il pecorino umbro? Non ci sono testimonianze scritte ma...
L'Umbria dello zafferano
  Una vocazione, quella della terra umbra per questa nobile spezia, tanto...
Ricami al Museo del Vino
"Venti sale, tremila manufatti, un incredibile viaggio attraverso la storia...
LA TORTA AL TESTO IN UMBRIA
La torta al testo è un alimento estremamente semplice nella preparazione...
CACIOTTA AL TARTUFO PDF Stampa E-mail

L'area di produzione storica di questa squisitezza è il territorio Eugubino-Gualdese ma si può trovare, di grande qualità, anche in tutto il territorio regionale e, in particolare, in Valnerina, dove abbonda il "tuber melanosporum".

La leggenda dice che la nascita del formaggio con il tartufo sia dovuta ad uno scherzo fatto da un ragazzo di un caseificio che, nel 1963, nei pressi di Sigillo, nascose del tartufo in una forma di cacio fresco che era stata destinata alla stagionatura. Nessuno si accorse di nulla fino a quando quella forma fu pronta per essere grattata sulla pasta. Il particolare sapore da allora ha incontrato un grande successo tra i consumatori. Grazie alla genuinità assicurata dagli animali che pascolano nella zona di produzione.

Il latte intero di vacca e, talvolta in piccole percentuali anche di pecora, pastorizzato e addizionato di fermenti lattici, viene fatto scaldare a 35-38°C. Poi viene aggiunto caglio di vitello. Al momento della coagulazione si procede alla rottura della cagliata:si divide dal siero e si aggiunge il tartufo in forma grattugiata. La proporzione è all’incirca di 500 grammi di tartufo per 50 chilogrammi di prodotto finito. Dal mescolamento si ottiene una pasta che viene inserita in appositi stampi adatti per sgrondare il siero. Quindi si procede anche con una stufatura a vapore in appositi cassoni, per un’ora ad una temperatura di 40-50°C. Arriva poi il momento cruciale della salatura, fatta per bagno in salamoia, per una durata di 12-15 ore circa. La maturazione del formaggio avviene in ambienti umidi all’80% ed a basse temperature (8-12°C). Non è prevista la stagionatura.

Le forme sono cilindriche, dalle dimensioni mediopiccole. La crosta è chiara, costellata di punti più scuri, mentre la pasta, internamente, è di colore paglierino. Il sapore e l’odore sono forti di tartufo. E al taglio si esprime tutta l’aromaticità del prezioso tubero.

Per il consumo, bisogna seguire il consiglio dei produttori, che raccomandano di tenere il formaggio per diverso tempo a temperatura ambiente in modo che la pasta si ammorbidisca e i profumi si liberino al meglio.

Mangiata da sola, con del pane casereccio, talvolta utilizzata in preparazioni culinarie, di questa caciotta esistono anche le alternative alla cipolla, al pepe, al peperoncino, alle olive e alle noci.

 

Tratto dalla pubblicazione della Camera di Commercio di Perugia "L'Umbria dei formaggi" consultabile qui.


( 0 Votes )