Home Arte e Cultura SULLE STRADE DEL RUZZOLONE
Image1
Image1

Arte e cultura

PREMIO REGIONALE OLIO D.O.P. UMBRIA "ORO VERDE DELL'UMBRIA"
Aperte le iscrizioni alla diciottesima edizione di ”Oro Verde...
IL GRIFO DI PERUGIA
Passeggiando per le vie di Perugia è facile incontrare, sotto varie forme, il...
IL RICAMO DI PIETRA DEL DUOMO DI ORVIETO
  "La meravigliosa facciata del Duomo di Orvieto è il ricamo di pietra al...
LE TOVAGLIE PERUGINE E CATERINA DE' MEDICI
Nei corredi delle signore dell’aristocrazia europea non potevano mancare i...
Il “saper fare” si impara
"... Il Museo della Canapa di Sant’Anatolia di Narco, un museo vivo. Nel...
Il re dei costumi
"... Nel Museo del Costume e del Tessuto Antico  di Spoleto c’è un re dei...
La leggendaria collezione di merletti di Arnaldo Caprai
"... Di virtuale c’è l’esposizione. Trine, ricami, libri, macchine,...
Un concorso per ricamare l’Umbria
"... Arte e ambiente sono gli elementi che qualificano l’Umbria. ...
"Gli scettri del re - Insegne di potere nella Spoleto preromana"
In mostra al Museo Archeologico di Spoleto (Pg) “Gli scettri del re -...
Vino e frasi celebri...curiosità
Se i vini eccellenti esaltano le gioie della tavola, quelli cattivi le...
Quando a Perugia si coniava il denaro...
L'attività dei cambiatori nel Medioevo è legata principalmente al denaro e,...
Le Arti nel medioevo a Perugia
Alla fine del Duecento in Perugia molte sono le attività organizzate in Arti o...
I nobili collegi del cambio e della mercanzia a Perugia
La Mercanzia e il Cambio, le due principali Arti, si insediano abbastanza...
Non solo Laterizio e Terrecotte, ma anche tanti fischietti!
  Il ruolo di Marsciano quale principale centro umbro di produzione del...
Un intero museo dedicato alla ceramica
  Per gli appassionati della ceramica, una tappa obbligata è certamente il...
IL BARTOCCIO DA PIAN DEL TEVERE
    Il Bartoccio è la maschera tipica del carnevale locale: è il contadino...
Vino e Olio al... Museo!
Olio e Vino al… Museo! Torgiano è una ridente cittadina, nei pressi di...
ORTO BOTANICO PERUGIA MEDIOEVALE
In una città come Perugia, capace di armonizzare vicoli e palazzi storici con...
Campo del Sole
Immagina uno specchio d’acqua, teatro di un’epica battaglia… Parliamo del...
La foresta fossile di Dunarobba
Hai mai pensato di passeggiare in una foresta di milioni di anni fa? Questo è...
SULLE STRADE DEL RUZZOLONE PDF Stampa E-mail

“Più che un gioco, un modo per vivere insieme, un rito di altri tempi ripetuto nei giorni di festa a primavera, tra campi, fossi e strade bianche. All’inizio il ruzzolone si giocava con una forma ben stagionata di pecorino che era anche il premio per il vincitore. Oggi si usa un disco di legno. Ma la passione rimane. E trova ancora proseliti: sono almeno tremila gli appassionati in Umbria, nel Lazio, nelle Marche, in Toscana ed in Emilia Romagna che si sfidano, in piste attrezzate, dalla primavera all’autunno, sotto l’egida della Figest, la federazione italiana giochi e sport tradizionali. Il gioco del ruzzolone ha antichissime origini. Lo praticavano già gli Etruschi: nella tomba delle “Scalette” a Tuscania sono stati recuperati dei ruzzoloni che ora è possibile osservare nel Museo di Valle Giulia a Roma. E un lanciatore è immortalato in un affresco nella “Tomba delle Olimpiadi” a Tarquinia. I pastori, durante le transumanze si sfidavano lungo i tratturi. Poi il giuoco del Cascio e della Forma arrivò anche nei paesi e nelle città. Ma erano tante le zuffe e le liti tra i concorrenti e gli spettatori, che fu presto proibito nelle vicinanze dei centri abitati. A Gubbio, un editto del 1500 impose che il ruzzolone si giocasse ad almeno mezzo miglio dalle mura cittadine ed a Perugia, nello stesso periodo, il gioco era vietato in città per disturbo alla quiete pubblica. E’ un gioco di squadra ma si può praticare anche in due o in coppia. Occorre un ruzzolone per ogni giocatore. Il disco, di legno duro, ha un diametro di 26 cm. Poi, una fettuccia che ha il compito di dare più forza nel tiro, un rocchetto e una maniglia per il lancio. Vince chi, con il minor numero di tiri, arriva al traguardo. Come nel gioco del golf, dopo il tiro si riprende da dove il ruzzolone si è fermato. Il percorso di gara è di 500 metri e presenta ostacoli naturali e artificiali per rendere più difficile la gara. Il ruzzolone va tenuto tra il pollice e il mignolo. L’indice, il medio e l’anulare stringono lo zeppo. Dopo il tiro, la fettuccia si srotola e il ruzzolone inizia la sua corsa. Conta la forza ma anche la tecnica del tiro. L’Umbria è ricca di piste ed appassionati. In provincia di Perugia si può praticare il ruzzolone sulle piste di Collestrada, Todi, Spoleto, Migliano, Gubbio, San Biagio della Valle e San Martino in Colle. Nella provincia di Terni sono attivi gli impianti di Campitello di Terni, La Selva di Narni, Fornole, Orvieto, Acquasparta e Porchiano.”

Tratto da "L'Umbria dei formaggi" pubblicato in questo sito.


( 1 Vote )