Home Eventi tipici I “faoni” NORCIA 9.12 ore 21.00
Image1
Image1

Eventi tipici

FESTA DEI BARBARI
A Castel Rigone nel Comune di Passignano sul Trasimeno dal 4 al 7 agosto la...
LE CELEBRAZIONI PER SANTA RITA
La festa che Cascia tributa a Santa Rita è particolarmente articolata e...
GIOCHI DE LE PORTE DI GUALDO TADINO
I richiami sono quelli del "Pallium decurrendum" una manifestazione di origini...
COLORIAMO I CIELI
In ogni aquilone, sono racchiusi sogni di pace, voglia di volare e desideri di...
A Narni per la Corsa dell'Anello
  ”Madonne, cavalieri et lo populo tucto…” sono le parole che echeggiano...
IL MERCATO DELLE GAITE IN BEVAGNA
1250 - 1350: è questo il periodo storico nel quale vi troverete immersi se...
IL PALIO DEI TERZIERI A CITTA' DELLA PIEVE
Dame e cavalieri, sbandieratori, taverne con antichi sapori, botteghe e mercati...
I “faoni” NORCIA 9.12 ore 21.00 PDF Stampa E-mail

La tradizione del “Faoni” o “Festa delle Campane” è un appuntamento di rito nel calendario delle manifestazioni invernali del nursino, forte nel suo significato e nel suo fascino. Gruppi di volontari affezionati alla tradizione si preparano ogni anno per la sera del 9 dicembre, quando tutta la città e le limitrofe frazioni si illuminano al bagliore di maestose pire di ginepro accese, grandi e suggestivi falò animati dagli stornelli di immancabili organetti e dall’allegria spensierata di persone intorno a qualche inebriante bicchiere di vin brulé, dolci e buon cibo cotto alla brace.

L’organizzazione della serata è stata sempre impegnativa e il suo tramandarsi di generazione in generazione è frutto esclusivo della volontà di alcuni gruppi di persone che pur di rivivere momenti cari ai loro genitori e ai loro nonni sacrificano molto del loro tempo per la buona riuscita della serata.

La serata del 9 dicembre è stata da sempre una festa per tutti, una grande festa in attesa della mezzanotte, ora in cui tutte le campane della città si muovono ad annunciare il passaggio della Santa casa della Madonna di Loreto.

Di fatto, il senso della tradizione, per gli abitanti di Norcia e la consuetudine cattolica, sta proprio qui.

I fuochi vengono accesi per ricordare ed illuminare il cammino degli angeli che, nel lontano 9 dicembre 1291, essendo la Palestina occupata dagli infedeli, portarono in salvo la casa della Vergine, traslandola miracolosamente fino ad un bosco di lauri, oggi Loreto.

Ma quali altri riti si intreccino intorno a questo omaggio affettuoso non è facile dirlo.                           Ci sono elementi atavici: si va verso i giorni più corti dell’anno e bisogna scongiurare che il buio abbia il sopravvento sulla luce, la notte sul giorno, il gelo sul caldo.

Ma c’è anche dell’arcano. Il fuoco non sempre distrugge, purifica anche.

E infine elementi spirituali. Il fuoco è il simbolo dell’amore che scende, su Maria e sugli Apostoli nel cenacolo, trasformando i discepoli in predicatori coraggiosi e capaci di farsi intendere da persone provenienti da vari paesi.

Simboli e riti, forze della natura e buona volontà, tutto si esalta in questa notte della terra nursina.

Per maggiori info: Comune di Norcia - Tel. 0743.824911


( 1 Vote )