Home In giro per l'umbria LA PASTORELLA ANDREANA: IL MIRACOLO DEL SANTUARIO DI MONGIOVINO
Image1
Image1

In giro per l'Umbria

PARCHI E GIARDINI DI PERUGIA: ORTO MEDIEVALE, ORTO BOTANICO E AREA VERDE DI SANTA GIULIANA
  Idee per un trekking urbano tra parchi e giardini del centro storico di...
PARCHI E GIARDINI DI PERUGIA: GIARDINI DEL FRONTONE
Proposta di trekking urbano nel cuore del centro storico di Perugia: GIARDINI...
PARCHI E GIARDINI DI PERUGIA: GIARDINI DI PIAZZA ITALIA E CARDUCCI
  Proposte di trekking urbano nella città di Perugia tra parchi e giardini:...
PUNTI PANORAMICI DI PERUGIA:VIA DEL POGGIO E VIA DELLA CUPA
Due scorci panoramici dall'acropoli perugina: VIA DEL POGGIO: la via, appunto,...
PUNTI PANORAMICI DI PERUGIA: TERRAZZA DEL CASSERO E PIAZZA ERMINI
Altri spunti per apprezzare i panorami che offre il centro storico di Perugia:...
PUNTI PANORAMICI DI PERUGIA: PORTA SOLE ED ARCO DI VIA APPIA
Altri due punti panoramici del centro storico dell'acropoli di Perugia: PORTA...
PUNTI PANORAMICI DI PERUGIA: BELVEDERE CARDUCCI E TERRAZZA DEL MERCATO COPERTO
    Tra i tanti punti panoramici di Perugia ecco due balconate da cui...
UNICA UMBRIA: UNA APP PER L'UMBRIA A PORTATA DI MANO
  Una App semplice e intuitiva che ti farà scoprire tutte le meraviglie...
Borghi medievali lungo il fiume del Paradiso
"... Valtopina deve il nome al fiume che la attraversa, il Topino, ricordato...
Il biancospino miracoloso
"…Il Beato Angelo è patrono della città di Gualdo Tadino insieme a San...
Da Tiferno a Castello, per la felicità di Plinio
"Il nome romano di Città di Castello era Tifernum Tiberinum. Tanto è vero...
Cos’è il Giacchio
"Il Giacchio è una rete circolare, a campana, piombata lungo il suo perimetro...
La pesca dei tori
"Perché Tuoro si chiama così? Con ogni probabilità per una tecnica di pesca...
Raffaello rapito dai 22 raggi
"La meravigliosa facciata del Duomo di Orvieto è il ricamo di pietra al quale...
La Beata Vanna patrona delle ricamatrici
"Nella terza settimana di luglio il piccolo borgo di Carnaiola, nell’alto...
La storia dell'alto artigianato artistico umbro di tessuti, ricami e merletti - I LUOGHI
  "Il ricco mercante Bernardone, volle chiamare suo figlio Francesco in onore...
Il dono di Jacopa
"Ad Assisi, nel Museo del Tesoro di San Francesco, vengono conservati due rari...
La pianta da blu
"Il guado, la pianta rustica dalla quale si ricavava il colorante blu che...
I misteri del coro di San Pietro
  "Gli ornati misteriosi del grande coro ligneo dell’abbazia di San Pietro a...
Il Museo più dolce.....
Nell’immediata periferia della città di Perugia (in località San Sisto)...
Il "Santo Anello"
Nella Cattedrale di San Lorenzo, nel centro storico di Perugia, la cappella del...
MUSEO DELLA PESCA A SAN FELICIANO
"ll Museo nasce per valorizzare la “cultura dell’acqua”, formatasi per la...
LA BATTAGLIA DEL TRASIMENO
Era il 24 giugno del 217 a.C. quando l’esercito romano del console Caio...
FESTA DI SAN GIORGIO E DISTRIBUZIONE DEL PANE BENEDETTO A MONGIOVINO
Nel giorno dedicato a San Giorgio (29 aprile) solenne  Messa e processione...
La simbologia del Santuario della Madonna delle Grondici
  Il Santuario della Madonna delle Grondici, edificio di stile moderno...
IL TEATRO PIU’ PICCOLO DEL MONDO A MONTE CASTELLO DI VIBIO (Pg)
Tra "I Borghi più Belli d’Italia", Monte Castello di Vibio, cittadina...
CASA CONTADINA: UN MUSEO A CORCIANO
All’interno del centro storico di Corciano, borgo incastonato sulla cima di...
GLI EX VOTO NEL SANTUARIO DELLA MADONNA DEI BAGNI
  "Due chilometri a sud di Deruta, in località Casalina, tra boschi una volta...
LA PASTORELLA ANDREANA: IL MIRACOLO DEL SANTUARIO DI MONGIOVINO PDF Stampa E-mail

Nelle immediate vicinanze della frazione di Tavernelle, nel comune di Panicale, spicca il Santuario della Madonna di Mongiovino, che la tradizione narra luogo privilegiato di numerosi eventi miracolosi.
La chiesa, costruita a partire dalla prima metà del ‘500 su modelli bramanteschi costituisce, probabilmente, il maggiore esempio di decorazione ad affresco della seconda parte del Cinquecento in Umbria, arricchita dalle ricche decorazioni degli stipiti degli archi dei portali.
In una delle quattro cappelle laterali è conservata la venerata immagine della Madonna col Bambino in trono, di scuola umbra del XIV sec., originariamente parte di un’edicola di campagna.
Al dipinto sono stati attribuiti molti miracoli e, in particolare, quelli che coinvolsero la pastorella Andreana, alla quale la Vergine apparve chiedendo maggior venerazione per l’edicola. Non creduta, Andreana fu invitata dalla Vergine a recarsi dagli abitanti del castello di Mongiovino portando in testa una brocca piena d’acqua con l’apertura rivolta verso il basso da cui non fuoriusciva acqua, miracolo seguito da numerosi altri.
Nel 1513, l’apparizione venne ufficialmente riconosciuta con una bolla papale di Leone X e nel 1524, prese il via la costruzione dell’attuale santuario. La devozione verso l’immagine è testimoniata dai numerosi “ex voto” in argento, ceri e dipinti che i fedeli donavano alla Vergine.
Di notevole interesse sono il campanile che affianca il tempio (XVIII sec.), la piccola cappella di San Martino e le Pie case.
Il complesso architettonico divenne, modello per altre chiese, come quella di Santa Maria Nuova, a Cortona, realizzata su progetto del Vasari.

 


( 2 Votes )