Home
Image1

Ceramica e Terracotta

LA MAGIA DELLE FUSERUOLE
  "Un’inedita collezione di fuseruole è ospitata nel Museo regionale della...
IL PAESE DELLE TERRECOTTE
  Ripabianca è un pregevole borgo arroccato, nel  Comune di Deruta, non...
L'UMBRIA DELLE TERRECOTTE E DEI LATERIZI
Marsciano è un centro conosciuto in particolare per la produzione di laterizi...
Dove la ceramica si veste di storia
Ad Orvieto, la tradizione ceramica affonda le sue radici nel periodo etrusco,...
Buccheri, ceramica e le brocche della Festa dei Ceri
A Gubbio, le origini della lavorazione ceramica risalgono al Medioevo, con una...
La ceramica di Deruta
Non è semplice descrivere la rinomata ceramica derutese senza rischiare di...
L'ARTE A PORTATA DI MANO
L’Arte a portata di mano. In questo modo potremmo definire la ceramica...
Abitare il territorio 1
Per il viaggiatore curioso ecco una proposta di percorsi, tra modernità e...
Gualdo Tadino e la sua ceramica PDF Stampa E-mail

Sulla scia della vicina Gubbio, nel ‘500, sebbene si registrino testimonianze precedenti, prende vita a Gualdo Tadino una fiorente produzione ceramica, che si sviluppa nel ‘700 con molteplici raffigurazioni di Madonna con Bambino ed ex voto, ma che trova la sua migliore espressione a fine ‘800, grazie a Paolo Rubboli, con cui collaborò anche il noto pittore indigeno Giuseppe Discepoli, ed Alfredo Santarelli. Rubboli si insediò a Gualdo nel 1875 e riprese la tecnica dei lustri oro e rubino ereditata da Mastro Giorgio. L’eco risorgimentale trova testimonianza anche nelle sue produzioni, per esempio con piatti commemorativi degli eroi del tempo, come Giuseppe Garibaldi. Santarelli, a sua volta, inizialmente prosegue l’opera di Rubboli per poi trovare una sua propria strada, in cui reinterpreta motivi e decori degli stili più disparati, dal medioevo al rinascimento, dall’ispanico – moresco al liberty e al decò. La produzione attuale è ancora connotata dalla tecnica del lustro e dalla testimonianza di questi grandi maestri, a riprova della loro capacità creativa e della loro originalità. Presso la Rocca Flea, infine, nel Museo Civico, è possibile ripercorrere l’avvincente storia della ceramica gualdese.


( 3 Votes )