Home Eventi tipici IL MERCATO DELLE GAITE IN BEVAGNA
Image1
Image1

Eventi tipici

FESTA DEI BARBARI
A Castel Rigone nel Comune di Passignano sul Trasimeno dal 4 al 7 agosto la...
LE CELEBRAZIONI PER SANTA RITA
La festa che Cascia tributa a Santa Rita è particolarmente articolata e...
I “faoni” NORCIA 9.12 ore 21.00
La tradizione del “Faoni” o “Festa delle Campane” è un appuntamento di...
GIOCHI DE LE PORTE DI GUALDO TADINO
I richiami sono quelli del "Pallium decurrendum" una manifestazione di origini...
COLORIAMO I CIELI
In ogni aquilone, sono racchiusi sogni di pace, voglia di volare e desideri di...
A Narni per la Corsa dell'Anello
  ”Madonne, cavalieri et lo populo tucto…” sono le parole che echeggiano...
IL PALIO DEI TERZIERI A CITTA' DELLA PIEVE
Dame e cavalieri, sbandieratori, taverne con antichi sapori, botteghe e mercati...
IL MERCATO DELLE GAITE IN BEVAGNA PDF Stampa E-mail

1250 - 1350: è questo il periodo storico nel quale vi troverete immersi se verrete a Bevagna alla fine di giugno di ogni anno.

E sarà facile pensare di essere stati catapultati in un passato lontano visto che ogni particolare, dalle luci delle vie, ai rumori degli attrezzi da lavoro delle botteghe di antichi mestieri, agli invitanti profumi delle taverne, insieme ai personaggi in tuniche e calzari, avranno la capacità di farci sentire parte di un medioevo ritrovato.
La fonte di tanta cura nel ricreare ambienti e abitudini fedeli alla vita quotidiana del XIV-XV secolo è lo Statuto cinquecentesco del Comune di Bevagna da cui sono attinte le preziose informazioni per la ricostruzione storica della vita politica, amministrativa, economica e sociale della città.
Era quella l’epoca in cui Bevagna era divisa in quattro quartieri, San Giorgio, San Giovanni, San Pietro e Santa Maria, denominati, appunto, Gaite: su questa si basava l’organizzazione amministrativa della città.

 

In occasione della manifestazione le Gaite competono tra loro nel riproporre una rievocazione storicamente fedele del ruolo che rivestiva in epoca medioevale.
Quattro sono gli ambiti oggetto della rivalità: la gara del mercato, la gara dei mestieri, la gara gastronomica, ispirata ad antiche ricette, e la gara sportiva di tiro con l'arco.
Il vincitore, giudicato per la sua attinenza storica da una commissione di esperti, riceve in dono il palio della vittoria.
Il mercato rappresenta un momento molto significativo: i banchi, con prodotti semplici, tipici o più elaborati, animano le strade, insieme all’attività riprodotta nelle botteghe dove oltre ad ammirare i personaggi intenti nelle antiche tecniche di lavoro, si possono trovare stoffe, carta, oggetti in cuoio, vimini, ferro battuto o rame, cordami, candele lavorate a mano, formaggio, pesce, pane caldo e focacce.
Il tutto in un’atmosfera gioviale e festosa, arricchita da momenti di approfondimento, da coreografie, momenti musicali e teatrali e di gioco.


( 0 Votes )