I prodotti della Terra

Patata rossa
La coltivazione della patata fu introdotta in Umbria nella prima meta' del...
Farro
Il farro è un frutto (cariosside), dopo “sbramatura”, prodotto in tutta la...
Sedano
Tra gli ortaggi più singolari coltivati nel territorio della provincia di...
zafferano
Lo zafferano era molto diffuso tra i popoli antichi. Questa spezia dall’aroma...
Lenticchie
Seme piccolo multicolore, di forma rotonda schiacciata. Tipico del Comune di...
Cipolla di Cannara
La cipolla di Cannara detta anche PIATTA DI CANNARA (DORATA E ROSSA) ha il...
Cicerchia
La cicerchia (Lathyrus sativus), è un legume ormai poco conosciuto che trova...
Broccoletti del Lago
I brocoletti del lago sono coltivati nei terreni sabbiosi adiacenti il Lago...
Fagiolina PDF Stampa E-mail

Seme molto piccolo color crema, di forma allungata; colorazione varia, con differenti screziature.Conosciuta fin dal tempo degli Etruschi, questo particolare tipo di legume è tipico della zona del Lago Trasimeno dove la presenza di terreni particolarmente umidi ne ha favorito la coltivazione. Essa è rimasta, fino al secondo dopoguerra, l’alimento proteico principale per le popolazioni locali, ma a causa del progressivo spopolamento delle campagne e delle difficoltà di coltivazione era andata scomparendo: si trattava infatti di una coltura lunga e faticosa da effettuarsi senza l’ausilio di mezzi meccanici. Da alcuni anni la coltivazione della fagiolina è stata ripresa da un gruppo di coltivatori che, riunitisi in consorzio, si stanno adoperando per la sua tutela e valorizzazione.

La caratteristica principale di questo prodotto è la piccola dimensione del seme, bianco come un chicco di riso ed è per questo che si chiama anche risina. La maturazione, inoltre, è scalare: i fagioli devono essere raccolti ogni giorno per un paio di settimane.

Le ricette locali a base di fagiolina sono semplicissime: quella essiccata si mangia lessa con un po’ di olio extravergine di oliva, mentre quella fresca, detta anche cornetto, si passa in tegame con pomodoro e aglio.

Non necessita di riposo in acqua prima della cottura purché questa avvenga a fuoco lentissimo.


( 0 Votes )